PRODOTTI

  • Facebook
  • Instagram
  • YouTube

© 2016 by SpaceWheel. Corso Indipendenza 31, Rivarolo Canavese (TO), Italia

CONTATTI

L'ALLENAMENTO ISOINERZIALE

CONCETTO ISOINERZIALE

L’allenamento isoinerziale è quella metodica che fa uso di macchine nelle quali la resistenza è generata da una massa posta in rotazione. È così definito perché l’atleta lavora contro la sua forza di inerzia (che si oppone al movimento).

La resistenza in macchine isoinerziali è puramente proporzionale all’accelerazione: a velocità costante la resistenza è nulla; pertanto, un esercizio isoinerziale si svolge in continua accelerazione/decelerazione. Le proprietà della pedana permettono di enfatizzare non solo la fase concentrica dell'esercizio, come con l'utilizzo di carichi isotonici, ma anche e soprattutto la fase eccentrica, chiamata anche fase di resistenza al carico.

CONTRAZIONE  CONCENTRICA

 

Questo tipo di contrazione avviene quando il muscolo genera una forza, si contrae e si accorcia, per cui il momento generato dalle forze interne che agisce su un'articolazione è maggiore rispetto al momento generato dalle forze esterne che si oppongono.

È evidente che in seguito ad una contrazione muscolare concentrica si crea un movimento del segmento articolare nella direzione della forza generata dal muscolo attivato (ciò indica lavoro positivo).

Questo tipo di contrazione sviluppa una forza minore rispetto alle contrazioni isometrica ed eccentrica perché parte dell'energia è dissipata in calore per muovere i capi ossei.

CONTRAZIONE ECCENTRICA

Questo tipo di contrazione avviene quando un muscolo genera una forza interna che è minore rispetto a una esterna (muscolo antagonista o forza esterna) che agisce in direzione opposta.

Il muscolo quindi, invece di accorciarsi si allunga: il momento esterno sarà maggiore rispetto a quello interno.

Durante questo tipo di contrazione esiste una specifica relazione tra massima forza generata dal muscolo e velocità di allungamento: l'entità della forza esercitata dal muscolo è direttamente proporzionale alla velocità di allungamento.Se la resistenza è massima, il muscolo non è in grado di sopportarla e si allunga in modo incontrollato.

 

BENEFICI DELL'ALLENAMENTO ISOINERZIALE

  • Miglior affinità di attivazione muscolare con le prestazioni sportive;

  • Miglior espressione di forza rispetto ai pesi liberi;

  • Possibilità di modulare l’impegno muscolare;

  • Ipertrofia precoce;

  • Possibilità di spostarsi dalla verticalità del movimento;

  • Feedback di lavoro tramite software;

  • Sovraccarichi ridotti sulla schiena rispetto alle metodiche tradizionali;

  • Movimento «libero», non vincolato come nelle macchine isotoniche tradizionali;

  • Facilità di trasporto, ingombro ridotto;

  • Nel lavoro isoinerziale la resistenza è variabile in ogni instante e dipende dalla velocità e dalla forza che sviluppiamo. In ogni momento si può decidere come caratterizzare l’allenamento.

 

CAMPO RIABILITATIVO

L’allenamento isoinerziale oltre ad essere un ottimo strumento per gli atleti, lo è anche per la facilitazione nelle terapie di riabilitazione e recupero funzionale, mediche e non, grazie alla necessità di uno sforzo cardiovascolare ridotto rispetto ad altre attività di recupero.

 

In ambito riabilitativo infatti, le apparecchiature isoinerziali permettono di ricreare situazioni di attivazione muscolare direttamente legate alle accelerazioni dell’atleta, modulabili e direttamente proporzionali alla forza espressa, raggiungendo più facilmente maggiori carichi di lavoro e un miglior condizionamento muscolare, oltre che a tempi di recupero più veloci. Il lavoro eccentrico ha una importanza basilare sul recupero di lesioni muscolo-tendinee.